giovedì 22 gennaio 2015

AUTONOMIA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA E RESPONSABILITA' SANITARIA

Ciao a tutti!!

Vi segnalo oggi un nuovo corso di formazione FAD Gratuito, offerto dal provider Clinical Forum, intitolato "AUTONOMIA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA E RESPONSABILITA' SANITARIA". Il progetto formativo sarà disponibile in rete fino al 1 dicembre 2015. 


Verranno trattati in modo sintetico ma comunque appropriato, i seguenti argomenti:
- Autonomia della professione infermieristica e responsabilità sanitaria;
- La responsabilità dell'infermiere e il suo nuovo ruolo nelle professioni sanitarie
- Direzione Infermieristica e Risk Management
- L'infermiere Forense o Legale


L’evoluzione dell’organizzazione e delle professioni sanitarie non ha, in questi anni, ignorato il ruolo degli Infermieri.
Questa figura è mutata radicalmente: da un insieme di operatori di supporto scarsamente formati e chiamati a muoversi in un ambito nettamente distinto da quello sanitario, all’emergere di una professionalità autonoma, con una forte base formativa e attribuzioni sempre più rilevanti.
Lontano dal divenire un “quasi medico”, l’Infermiere ha assunto incarichi e responsabilità crescenti, sia dal punto di vista dell’organizzazione sanitaria, sia da quello della relazione con i pazienti.

Il corso di Formazione A Distanza “Autonomia della professione infermieristica e responsabilità sanitaria” intende approfondire gli aspetti di carattere legale di questa evoluzione, per fornire strumenti di inquadramento e comprensione della nuova realtà.
Per chi fosse interessato alla frequentazione del corso, il sito a cui connettersi per iscriversi al database del provider e frequentare il progetto formativo è clinicalforum.eu. Da qui dovrete compilare il solito form di iscrizione, per poi procedere alla visione delle slide, propedeutiche alla compilazione del questionario ECM
A presto per nuovi aggiornamenti!

domenica 18 gennaio 2015

PROGRAMMA NAZIONALE ESITI - 12 CREDITI

Ciao a tutti!

Apriamo questa nuova settimana, segnalando a tutti i lettori di FAD Infermieri un nuovo corso FAD ECM Gratuito, promosso e pubblicato da FAD IN MED, in collaborazione con FNOMCEO ed IPASVI. Questo nuovo corso, che va ad aggiungersi al già importante quantitativo di programmi formativi già presenti sul sito, darà la possibilità di acquisire ben 12 crediti ECM.


Il corso, incentrato stavolta su tematiche non più cliniche ma maggiormente su argomenti gestionali, rimarrà disponibile sul sito del provider fino al 29 Novembre 2015. La struttura del corso è simile a quella dei precedenti corsi sviluppati da FAD IN MED, con i consueti manuali da scaricare in formato in PDF, che fungono da manuale per poi procedere all'analisi dei casi clinici ed alla compilazione dei questionari necessari all'ottenimento dei crediti. 

Cliccando su QUESTO LINK, potrete accedere al sito del corso, registrarvi se non ancora in possesso di un account, ed accedere a questo ed agli innumerevoli altri corsi proposti, uno più interessante dell'altro.
Di seguito ecco i titoli dei manuali, che corrispondono grossomodo agli argomenti trattati nel corso:
1) Elementi di Epidemiologia per la valutazione comparativa di Esito
2) Note metodologiche sugli Indicatori e loro Interpretazione
3) Guida all'utilizzo del Programma Nazionale Valutazione Esiti

A presto per nuovi aggiornamenti
Valentino

giovedì 15 gennaio 2015

CHIRURGIA OFTALMICA, LO STATO DELL'ARTE - 4 ECM

Ciao a tutti!

Vi segnalo oggi un evento formativo gratuito e molto interessante per i lettori di FAD Infermieri residenti nell'area di Milano, che svolgono la loro attività professionale presso le unità operative, ed i servizi di Oculistica ed Oftalmologia. 

Il convegno, intitolato "CHIRURGIA OFTALMICA, LO STATO DELL'ARTE", si svolgerà presso l'Istituto Auxologico Italiano di Milano, Ospedale San Luca, Via Brescia 20 e sarà destinato ai primi 70 professionisti sanitari che procederanno all'iscrizione. L'evento è pensato ed organizzato per l'aggiornamento dei medici chirurghi specialisti in oculistica, infermieri ed ortottisti. Il corso si svolgerà in data 10\04\2015, dalle 14:00 alle 18:00, un totale di 4 ore di formazione che daranno diritto all'acquisizione di altrettanti crediti ECM.

Di seguito, ecco il RAZIONALE del convegno:
La chirurgia del segmento anteriore (cataratta e glaucoma) e del segmento posteriore (vitreoretina) presentano oggi novità molto interessanti che permettono ad oggi al chirurgo di ottimizzare i risultati post operatori come mai prima.
I cristallini artificiali di ultima generazione correggono i difetti visivi utilizzando tecnologie sempre più sofisticate, aumentando così la soddisfazione del paziente.

Per chi fosse interessato alla partecipazione, vi ricordo che i posti resi disponibili sono 70. 
Di seguito, ecco alcuni LINK di utile consultazione riguardanti l'evento formativo:

PAGINA DEDICATA ALL'EVENTO (da cui è possibile iscriversi cliccando sul link in alto a destra)

A presto per altri aggiornamenti!

martedì 13 gennaio 2015

FOCUS DI INFETTIVOLOGIA, E NON SOLO...

Ciao a tutti!!

Vi scrivo oggi per segnalarvi un convegno organizzato dall'Azienda Ospedaliera di Busto Arsizio, dal titolo "FOCUS DI INFETTIVOLOGIA, E NON SOLO...". Si tratta di una serie di eventi, aperti ognuno ad una specifica categoria professionale. Quello dedicato agli infermieri, che ricordiamo essere un evento gratuito,  si svolgerà in data 7 febbraio 2015. 


Le strategie di trattamento con antibiotici rivestono una sempre più grande importanza in relazione all'incremento di infezioni di germi MDR. E' quindi di estrema importanza che tutto il personale sanitario che opera in ambiente ospedaliero possa conoscere questa problematica e che siano noti i criteri di scelta di un  antibiotico così come il suo dosaggio ed il tempo di trattamento.
Da queste evidenze nasce l'incontro di aggiornamento dedicato agli infermieri ed ai medici di medicina interna che affrontano i problemi di corretto utilizzo degli antibiotici in terapia e profilassi.

Nell'ambito di questo corso si tratterà anche il tema delle vaccinazioni e delle possibili riacutizzazioni di patologie infettive correlate alle nuove terapie con farmaci biologici. In sintesi... argomenti vecchi e nuovi ma sempre in continua evoluzione...

Per chi fosse interessato, ecco alcuni LINK utili:

A presto per nuovi aggiornamenti!

martedì 6 gennaio 2015

NOVITA' PER IL PAZIENTE DIABETICO TRA NUOVI FARMACI E NUOVE TECNOLOGIE

Ciao a tutti!

Vi scrivo oggi per segnalarvi un nuovo evento Residenziale Gratuito, intitolato "NOVITA' PER IL PAZIENTE DIABETICO TRA NUOVI FARMACI E NUOVE TECNOLOGIE", organizzato dal provider Fenix S.r.l.. Questo progetto formativo è aperto a diverse professioni sanitarie, fra cui anche a noi infermieri. I partecipanti acquisiranno 7 crediti ECM. 


Al fine di coinvolgere un maggior numero di partecipanti, l'evento si svolgerà in due sessioni identiche, ma in due diverse date e città: il 14 Marzo a Pavia ed il 21 Marzo a Lodi.

RAZIONALE ED OBIETTIVI DEL CORSO:

Il corso ha lo scopo di promuovere la formazione nell’ambito della innovazione diagnostica e terapeutica nella malattia cardiovascolare e diabetica con particolare attenzione alle novità farmacologiche e tecnologiche attraverso la partecipazione di Medici Specialisti e Medici di Medicina Generale.

Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di mortalità dei soggetti diabetici e sono anche la principale causa di complicanze e ricoveri e di costi diretti e indiretti della malattia diabetica; ridurre i fattori del rischio cardiovascolare è efficace nel prevenire o rallentare le malattie cardiovascolari.

La presenza del diabete e di ipertensione (così come di altri fattori di rischio cardiovascolare) comporta un rischio da 2 a 10 volte superiore di sviluppare cardiopatia ischemica (infarto, angina pectoris), ictus e scompenso cardiaco. Inoltre, il paziente diabetico va incontro a molteplici complicanze, sia macrovascolari, sia microvascolari e l’ottimale compenso glico-metabolico può contribuire a ridurre tali complicanze.

Nella società attuale, caratterizzata da una stretta interconnessione tra ricerca scientifica e ricadute applicative nella prevenzione della salute pubblica, vi è la necessità di un continuo aggiornamento delle proprie conoscenze, che permetta di operare nel modo migliore in questi diversi ambiti.

Infatti, è proprio grazie a una diagnosi precoce del diabete e una attenta individuazione degli altri fattori di rischio individuale della persona con diabete che è possibile ridurre le complicanze del diabete tramite un intervento multifattoriale incentrato su un favorevole stile di vita, sul buon controllo della glicemia, della pressione arteriosa, del colesterolo e degli altri fattori di rischio cardiovascolare.

Nel caso in cui siate interessati, eccovi alcuni LINK UTILI:

- SITO DELL'ELENCO EVENTI DEL PROVIDER, da cui scegliere l'edizione a cui intendete partecipare, e procedere da qui, all'iscrizione





A presto per altri aggiornamenti
Valentino

giovedì 1 gennaio 2015

ACCANTO AL MALATO ONCOLOGICO A DOMICILIO

Ciao a tutti!

Spero che abbiate passato tutti uno splendido Natale ed un ottimo e divertente Capodanno. Anno nuovo e...  subito corsi nuovi!! Vi scrivo infatti per segnalarvi un corso FAD ECM Gratuito, pubblicato dal provider MYMEETING, intitolato "ACCANTO AL MALATO ONCOLOGICO A DOMICILIO".


Il corso sarà disponibile on line fino al 20 Giugno 2015, e darà diritto a tutti coloro che lo porteranno a termine, 10 crediti ECM. Per potere usufruire al corso, accedete al sito e provvedete alla registrazione. Fatto ciò riceverete la consueta mail di conferma dell'iscrizione, che allegherà anche il codice di accesso al corso. Navigando sul sito del provider, non ho trovato indicazioni circa un limite massimo di partecipanti, quindi credo che possiate iscrivervi e frequentare il corso, tranquillamente entro la data di conclusione prevista. Per accedere al sito presso cui effettuare la Registrazione e svolgere il Programma Formativo, CLICCATE QUI!

Per approfondire le tematiche trattate dal corso, ecco un estratto del Razionale Scientifico tratto dal sito di registrazione e fruizione del corso:

La complessità e il continuo aggiornamento della normativa sulle Cure Palliative e sulla Terapia del Dolore, la disomogenea aderenza del territorio a quanto imposto dalle Legge 38, la difficoltà nella gestione al domicilio di farmaci oppiacei, impone una continua attenzione alla formazione e all’aggiornamento del personale sanitario. Le criticità sopra citate sono emerse in modo eclatante dai seminari APPRO.DO che si sono tenuti al centro, nord e sud dell’Italia e che hanno coinvolto soprattutto medici palliativisti, ma anche, in numero minore infermieri. A questo proposito si è ritenuto opportuno rafforzare il programma formativo utilizzando la formazione a distanza al fine di offrire, soprattutto al personale infermieristico, l’opportunità di essere continuamente aggiornato, oltre che formato, così come indicato dalla Legge 38 e in ottemperanza a quanto suggeriscono le linee guida e cioè “lo sviluppo più omogeneo sul territorio del sistema delle cure domiciliari, tramite la condivisione degli elementi caratterizzanti i LEA domiciliari e i valori di riferimento”. I contenuti del corso saranno improntati all’approfondimento delle tematiche precedentemente trattate. 

A presto per nuovi aggiornamenti!!

martedì 30 dicembre 2014

TUTTI I NUMERI DELLA LUDOPATIA

Ciao a tutti!

Durante la mia odierna ricerca di opportunità formative e notizie da segnalarvi e condividere con voi lettori, mi sono imbattuto in un articolo interessante pubblicato ieri sulle pagine de "Il Giornale". La tematica è molto seria e lo sta diventando sempre più ogni giorno che passa. Si tratta della piaga della LUDOPATIA, ovvero quella patologia a causa della quale, similmente a quel che accade nei casi di dipendenza da sostanze stupefacenti, il paziente sviluppa una totale assuefazione verso il gioco d'azzardo, specialmente a guadagno delle cosiddette "macchinette mangiasoldi".

Su FAD Infermieri, circa un anno fa, era già apparso un articolo riguardante il problema della ludopatia, in occasione della campagna "BASTA CON LE SLOT", promossa dalla trasmissione Le Iene. CLICCA QUI per visualizzare l'articolo. Non mi dilungo oltre con la prefazione, in quanto l'articolo è già di per sè, pienamente esaustivo!! Buona lettura!

UN FIUME DI DENARO INGOIATO DALLE MACCHINETTE: TUTTI I NUMERI SULLA LUDOPATIA.


Quasi 800mila italiani rischiano di finire nel tunnel della dipendenza, il 4% degli adolescenti. Solo con le slot machine e le video lotterie, gli italiani spendono 47,5 miliardi all’anno. Si tratta di giocatori “problematici” che rischiano di diventare dipendenti dal gioco d’azzardo. Il dato emerge da una ricerca fatta da Sistema Gioco Italia, la federazione cui fanno capo gli operatori del settore.



L'1,65% della popolazione italiana, quindi, rischia di finire nel tunnel della dipendenza. Cinque anni fa erano 590mila (1,27%). Colpa della crisi? Non ci sono certezze assolute. Il problema “gambling” trae origine da motivi psicologici unitamente a fattori sociali e culturali.

Contano anche gli aspetti economici, ma non sono predominanti. Come ha evidenziato l'antropologa americana Natasha Dow Schüll, per alcune persone questi giochi diventano un'esperienza totalizzante, un modo per estraniarsi dal mondo per ore e ore. E alla fine la molla non è la speranza di vincere e guadagnare soldi, ma solo la possibilità di “staccare” dalla realtà, esattamente immergersi in un film, in una partita di calcio o in una sinfonia. "La gente non gioca alle slot per vincere – prosegue la studiosa – ma solo per giocare. I soldi non sono il fine ma il mezzo per stare seduti davanti alle macchinette il più a lungo possibile". Vincere il jackpot è un sogno? Sì, ma solo per poterselo spendere tutto, continuando a giocare fino all'ultimo centesimo. La percentuale di “malati di gioco” negli Usa oscilla tra l'1 e il 2% (più o meno come da noi in Italia). Un numero abbastanza piccolo ma significativo: basti pensare, infatti, che le loro giocate fruttano tra il 30% e il 60% del fatturato dell'industria delle slot.

Secondo alcuni studi la ludopatia è la patologia da dipendenza che cresce più rapidamente tra i giovani e gli adulti. Molto più che la dipendenza da droga e alcol. Il 14% di adolescenti italiani dicono di aver giocato d'azzardo almeno una volta. Il 4%, invece, è affetto da "gap" (gioco d'azzardo patologico). I giovanissimi che giocano e scommettono su internet sono il 13%. Qui il problema è ancor maggiore, perché, al di là del controllo formale sulla maggiore età da parte delle piattaforme online (facilmente aggirabile), la compulsività del gioco passa inosservata.

Molto più drammatici i numeri forniti dal Codacons, secondo cui il 50% dei disoccupati italiani presenta forme più o meno gravi di ludopatia, con il 17% dei pensionati colpiti e il 25% delle casalinghe. Più pesante l'incidenza sui giovani: secondo l'associazione dei consumatori siamo al 17%. Ma quanti soldi si perdono nel gioco? Ovviamente dipende dalle disponibilità, anche se la tendenza di un ludopatica è quella di indebitarsi fino al collo, fino a non sapere più a uscire dal tunnel. L'85% dei giocatori perde in media 40 euro al giorno.

DA NON PERDERE IL DOCUMENTARIO \ INTERVISTA, REALIZZATO IN APPROFONDIMENTO ALL'ARTICOLO. PER VISIONARLO, CLICCA SU QUESTO LINK!

Ma in Italia quanti quanti soldi si giocano alle macchinette e quanto incamera lo Stato? Vediamo i dati del 2013: solo con le slot machine e le videolotterie gli italiani hanno speso 47,5 miliardi (il 56 % di quanto speso complessivamente nel gioco). Le vincite incassate sono state pari a 38,5 miliardi, allo Stato sono finiti 4,3 miliardi. Nel 2014 la raccolta complessiva parla di 45,6 miliardi, con un gettito per l'erario pari a 4,1 miliardi. Vediamo invece in quali regioni si gioca di più (dati 2013): in Lombardia la giocata media annuale è di 1.040 a testa, seguono l’Emilia Romagna con 1.002 e l’Abruzzo con 960 euro. Agli ultimi posti Calabria (516 euro), Basilicata (505) e Sicilia (384).

Confrontiamo i soldi persi in gioco d'azzardo in Italia rispetto agli altri Paesi. Secondo ilLibro blu dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli (dati 2013): siamo al quarto posto nel mondo. Davanti a tutti gli Stati Uniti, con 119 miliardi di dollari all'anno. Seguono la Cina e il Giappone. Noi “sprechiamo” 24 miliardi di euro, pari a circa 17 miliardi di euro. Ma se dividiamo per numero di abitanti scaliamo la classifica e arriviamo al secondo posto, con 400 dollari persi a testa ogni anno. Al primo ci sono gli australiani, con 795 dollari. La medaglia d'argento ci va un po' stretta? Se diamo uno sguardo veloce ai dati del Fondo monetario internazionale, scopriamo che il prodotto interno lordo pro-capite degli australiani è il doppio rispetto a quello degli italiani. Praticamente siamo a pari merito come spesa rispetto alla nostra ricchezza. E, dato ancor più sorprendente, solo due Paesi, al mondo (noi e l'Australia), spendono più dell'1% dei propri redditi inseguendo la fortuna (o sprofondando nella malattia del gioco compulsivo). Un primato di cui, probabilmente, non c'è da vantarsi molto.
Tratto da www.ilgiornale.it [LINK] - a cura di Orlando Sacchelli.

Spero, anche se ne sono quasi certo, che come me abbiate trovato interessante questo articolo, che ho pensato di proporre sul blog nella speranza di dare il mio modesto contributo nella lotta alla piaga sociale costituita dalla ludopatia.

Per ora, non mi resta che augurarvi un buon finale di 2014, ed un ottimo inizio del 2015!!
A presto per nuovi aggiornamenti!!
Valentino

lunedì 29 dicembre 2014

LIBERA PROFESSIONE: TERZA CONFERENZA A BOLOGNA

Ciao a tutti!

Dopo qualche giorno di pausa dovuto alle festività Natalizie, FAD Infermieri riprende oggi la propria attività, segnalandovi un evento di sicuro interesse, ovvero la Terza Conferenza sulla Libera Professione, che si terrà a Bologna in data 11 Gennaio 2015. 


Gli infermieri si confrontano sul libero esercizio professionale. L'iscrizione alla Conferenza è gratuita e le adesioni verranno raccolte online fino ad esaurimento dei posti disponibili.  
"Allo stato attuale, è abbastanza prevedibile che i nostri ospedali non vivranno un nuova fase di crescita e implementazione organica. Abbiamo anzi conferma dell'uscita dal sistema ospedaliero di circa 20mila infermieri. Il modello futuro ci parla di un ospedale specializzato a trattare emergenze e acuzie; parallelamente la domanda di salute dovrà essere intercettata al livello territoriale, in cui gli infermieri sono chiamati a svolgere un ruolo di primaria importanza". Queste affermazioni, con le quali la presidente dell’Ipasvi, Sen. Annalisa Slvestro, concludeva  i lavori della Seconda Giornata Nazionale sulla Libera Professione infermieristica, costituiscono la premessa di questo terzo appuntamento - di cui programma è scaricabile in pdf a margine di questa pagina - che la FNC, in collaborazione con l'Enpapi, propone a tutti i Colleghi che si misurano con questa scelta. 

L'iscrizione alla Conferenza è gratuita e le adesioni verranno raccolte online fino ad esaurimento dei posti disponibili.  Per iscriverti alla conferenza clicca su QUESTO LINK.

Per leggere e scaricare il file in PDF contenente il programma della giornata cliccate invece QUI.

A presto per altri aggiornamenti!